NEWS

Danno oncologico – risarcimento danni oncologici

Danno oncologico – risarcimento danni oncologici Le parole “cancro” e “tumore” fanno tremare le gambe a chiunque. Tra le tante patologie che colpiscono l’organismo, la neoplasia è quella che mette […]

Danno-oncologico-risarcimento-danni-oncologiciDanno oncologico – risarcimento danni oncologici

Le parole “cancro” e “tumore” fanno tremare le gambe a chiunque. Tra le tante patologie che colpiscono l’organismo, la neoplasia è quella che mette più in allarme. Il problema principale della maggior parte dei tumori è la loro asintomaticità.
Per questa ragione sono sempre più numerose e martellanti le campagne che sostengono la necessità di un’adeguata prevenzione.

Dagli anni ottanta, in particolare, si è compreso che i fattori di rischio principali per l’insorgenza della malattia sono di due tipi:
– primari: età, sesso, predisposizione genetica;
– secondari: stile di vita (alimentazione e attività fisica).

Non è difficile comprendere che, se in relazione ai primi non si può fare molto, sui secondi è possibile intervenire efficacemente. Nel momento in cui si inizia a seguire una alimentazione varia e bilanciata e si svolge una regolare attività fisica quotidiana, il corpo si rinforza e in tali condizioni di salute generale, è molto più difficile che il tumore prenda piede.

Particolari tipi di cancro inoltre, soprattutto negli ultimi due decenni, sono oggetto di una attenzione particolare, a causa del loro aumento percentuale rispetto al passato. Il cancro al seno, al colon retto, al pancreas, alla prostata e ai polmoni sono quelli che colpiscono maggiormente la popolazione italiana.
Ad essi sono dedicate iniziative di raccolte fondi, percorsi diagnostici mirati, campagne informative e molto altro. Può accadere tuttavia, che nonostante tutto, la neoplasia faccia il suo ingresso nella vita di qualcuno, con tutte le ripercussioni fisiche e psicologiche che si possono immaginare.

Nel momento in cui però, l’esito negativo della malattia non dipende dal paziente, ma da un errore medico e del personale ospedaliero a cui ci si rivolge, è doveroso verificare la sussistenza dei presupposti previsti per avanzare domanda di risarcimento danni.

Gli errori medici più comuni e frequenti in cui si può incappare quando si parla di tumore, sono i seguenti:
– diagnosi errata o ritardo nella diagnosi della malattia con conseguente dilazione o inesattezza terapeutica in grado di determinare l’ulteriore danno da perdita di chance di guarigione o di sopravvivenza;
– interventi di chirurgia oncologica demolitivi rispetto alla prognosi iniziale;
– interventi di chirurgia oncologica parziali che ne rendono necessario uno successivo;
– trattamento chemioterapico o radioterapico eseguito senza la dovuta tempestività o in modalità errate rispetto a quelle previste;
– prescrizioni di visite e approfondimenti diagnostici totalmente inutili o superflui.

A questa casistica se ne accompagna un’altra, di natura amministrativa, che si traduce nello scambio dei pazienti e delle relative cartelle, che provocano in genere errori a cascata, consistenti nella somministrazione di cure inappropriate per il tipo patologia da cui risultano affetti i diversi degenti.

Dal punto di vista prettamente giuridico, i danni provocati da tali condotte, contrarie alla diligenza specifica richiesta dalla professione svolta, coinvolgono globalmente la persona, nelle sue componenti fisiche, psicologiche e di relazione. Impossibile trascurare inoltre l’aspetto patrimoniale del problema, se solo si pensa ai casi in cui, a essere vittima di un errore oncologico in grado di cagionare lesioni o morte, sia l’unica fonte di sostentamento della propria famiglia.

A questi danni, che sono quelli diretti cagionati al paziente, si aggiungono quelli riflessi a carico dei familiari del soggetto malato, esercitabili iure proprio.
Se poi l’esito dell’ errore oncologico è così grave da provocare la morte del malato oncologico costoro si possono attivare per ottenere il risarcimento danni patito dal defunto iure hereditatis.

Appare chiaro, in conclusione, che l’errore oncologico si accompagna spesso e volentieri a quello per malasanità. La preparazione insufficiente e talvolta scadente del personale medico e infermieristico, l’obiettiva carenza organizzativa e strutturale dei nosocomi e, a onor del vero, una insufficienza numerica del personale sanitario, sono elementi su cui è necessario riflettere per comprendere un fenomeno obiettivamente complesso.

 

Redazione LifeIsWeb Co. Ltd

© Riproduzione vietata

.

Danno oncologico – risarcimento danni oncologici ultima modifica: 2016-10-07T18:00:40+02:00 da Risarcimenti Online.it
Share

About Risarcimenti Online.it

L’obiettivo principale del portale è offrire all’utente che necessita di assistenza legale o stragiudiziale per risarcimento del danno o assistenza legale, un’utile strumento per richiedere assistenza e consulenza per risarcimento danni e cause legali e poterle ottenere in tutta tranquillità grazie al supporto di professionisti ed avvocati specializzati nei settori specifici. Sul portale vengono in oltre forniti alcuni consigli fondamentali su come comportarsi in caso si rimanga vittima di un danno o prima di effettuare un’azione legale, oltre a notizie e novità sugli argomenti trattati. L’utente può altresì richiedere gratuitamente e in modo molto semplice, assistenza e consulenza a legali e professionisti specializzati settorialmente.